La Toscana al primo posto per quanto riguarda l’Industria 4.0



La Toscana ai primi posti, in Italia, per quanto riguarda gli sforzi atti ad una corretta formazione nei riguardi dell’Industria 4.0

L’Industria 4.0, ormai da tempo, è parte integrante della nostra società e della nostra struttura aziendale. O almeno così dovrebbe essere se vogliamo che il Bel Paese rimanga tra le grandi potenze industriali. La quarta rivoluzione industriale ha come protagonisti i macchinari aziendali e il mondo informatico.

Opportunità e difficoltà date nel nuovo modello dell’Industria 4.0

Anche se è evidente che l’informatica, permettendo alle macchine di connettersi tra loro e con lavoratori in remoto, offre infinite opportunità di crescita e di sviluppo. Ma questi vantaggi tecnologici, come ci ricorda anche Psb Consulting Srl, possono essere acquisiti solo ed esclusivamente se vi è una classe di dipendenti che sia capace di comprendere appieno, e quindi di saper sfruttare, la complessa tecnologia alla base dell’Industria 4.0. La sempre maggiore velocità con la quale le diverse tecnologie mutano e si evolvono in forme sempre più complesse, con l’inevitabile mutamento culturale che ne consegue, presuppone una competenza digitale veramente straordinaria.

La Regione Toscana e l’Industria 4.0

A differenza di altre regioni italiane la Toscana ha saputo utilizzare in maniera molto proficuo il Fondo Sociale Europeo (FSE), infatti grazie a questi fondi Firenze è riuscita a finanziare tutta una serie di progetti e di corsi indirizzati all’ammodernamento e alla raggiungimento delle necessarie competenze inerenti il mondo del web. Quelli che seguono questi corsi rappresentano il necessario ed ineludibile capitale umano da investire nell’Industria 4.0 in Toscana e non solo.

Diversi tipologie di corsi sull’Industria 4.0 promosse dalla Regione Toscana

I corsi afferenti all’Industria 4.0, organizzati dalla Regione Toscana, sono stati tarati a seconda delle diverse tipologie di utenza a cui sono rivolti. I corsi Post-Diploma sono stati pensati per i tecnici con competenze specialistiche e interdisciplinari, per garantire competenze ad alto livello. In autunno inizieranno 63 di questi corsi (46 Ifts e 17 Its).

Firenze ha concesso voucher formativi, che arrivano a 2500 euro ognuno, a favore di manager e imprenditori validi sia per 20 corsi regionali incentrati sull’Industria 4.0 sia per partecipare a master universitari.

Per i singoli lavoratori sono stati predisposti finanziamenti ad hoc per progetti formativi volti al loro aggiornamento operativo. Per accedere a questi finanziamenti bisogna partecipare ad un avviso pubblico il cui bando ha come scadenze il 6 agosto e il 28 settembre. Dopo queste date le diverse scadenze saranno a cadenza trimestrale, fino al giorno 30 giugno 2020.

Per chi non potrà partecipare di persona ai corsi la Regione Toscana ha organizzato una formazione a distanza tramite la sua piattaforma regionale TRIO. Nello specifico saranno 2 i corsi online: Blockchain in Logistica, dal 24 settembre al 5 ottobre. Scopo del corso sarà quello di migliorare gli standard in materia di sicurezza, di funzionalità e di valore; un corso online su larga scala, dal 15 ottobre al 16 novembre, per comprendere al meglio l’Industria 4.0. Ulteriori 10 corsi online sono stati organizzati per la durata di 3 ore ognuna che si occuperanno di differenti temi riguardanti il passaggio dall’Industri classica all’Industria 4.0.